“Offerta speciale”, numero di novembre 2016

scansione0001

Numero di novembre 2016 di “Offerta Speciale”
Novembre 2016, anno 29, n. 58
Direttore responsabile Delfino M. Rosso
Editore Carla Bertola
Registrazione Tribunale di Torino n. 3887 del 27.02.88
Stampa Edigraf, Torino

Autori: Anela Aliotis, Dobrica Kamperelic, Olivier Cans, Olga Maggiora, Paola Nasti, Giorgio Moio, Roxi Scursatone, Dadanautik, Aspandyad F. Daruvala, Christian Burgaud, Javant Biarujia, Francoise Favretto, Mariapia Roncoroni, Jozsef Bìrò, Carol Stetser, Francesco Aprile, John M. Bennett, Jurgen O. Olbrich, Démosthènes Agrafiotis, L. Castagno e L. Mosso, Mario Rondi, Leonardo Carongiu, F. Montà/M. Bogliacino, Anne-Marie Jeanjean, Ivo Riva, Anna Boschi, Gilles Cabut, G. Hassomeris e Régine, Carla Bertola, Alberto Vitacchio, Delfino Maria Rosso.

Novità editoriali per il movimento letterario “New Page. Narrativa in store”

Novità editoriali per il movimento letterario “New Page. Narrativa in store”, fondato nel 2009 da Francesco S. Dòdaro.

https://newpageinstore.wordpress.com/

Dopo le adesioni di Julien Blaine, Giorgio Moio, Fabio Orecchini, Marina Pizzi, riprende l’attività del movimento che vede la pubblicazione di nuovi testi da parte degli autori Cristiano Caggiula e Volodymyr Bilyk.

Opere narrativa:

Opere poesia:

– Volodymyr Bilyk: 3.5, 3.6, 3.7, 3.8.

Telepresenza e bioarte di Eduardo Kac

Telepresenza e bioarte. Interconnessioni in rete fra umani, conigli e robot

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne
Associazione MultiMedia91 – AParte Associazione Pecci Arte
presentano:

l’installazione SCARPE ROSSE 1522

Piazza delle Carceri

e la mostra ROSSO DI DONNA

Sala Campolmi – Biblioteca Lazzerini di Prato.
A cura di Alessandra Borsetti Venier

Durata della mostra dal 25 novembre al 16 dicembre 2016
con 210 opere di altrettanti artisti nazionali e internazionali.

25 novembre ore 16.00 Piazza delle Carceri: saluti istituzionali con Matteo Biffoni sindaco di Prato, Simone Mangani assessore alla cultura, Mariagrazia Ciambellotti assessore Pubblica Istruzione e Pari Opportunità, Fabio Cavallucci direttore Museo Pecci, Gianni Antenucci presidente Associazione AParte, Loredana Dragoni coordinatrice centro antiviolenza La Nara, Alessandra Borsetti Venier presidente Associazione MultiMedia91.
Performance “Guerrieri di pace” di Massimo Mori e Licia Ianniello.
ore 17: Biblioteca Lazzerini, Sala Campolmi, inaugurazione della mostra ROSSO DI DONNA. Intervento critico di Attilio Maltinti.

Artisti partecipanti:
Egizia Agatone, Marcello Aitiani, Francesco Alarico, Resmi Al Kafaji, Paolo Amerini, Fernando Andolcetti, Gianni Antenucci, Francesco Aprile, Agostino Arrivabene, Mariele Artemise, Mario Artioli Tavani, Laura Balla, Vittore Baroni, Elena Barthel, Lina Basile, Francesco Battaglini, Emanuele Bencivenni, Luisa Bergamini, Carla Bertola, Lea Bilanci, Daniela Billi, Tomaso Binga, Mariella Bogliacino, Alessandra Borsetti Venier, Leonardo Bossio, Alfredo Biagini, Antonino Bove, Liliana Brosi, Rossana Bucci, Maurizio Buscarino, Rosaspina Buscarino Canosburi, Gloria Campriani, Carlo Cantini, Silvia Cardini, Silvia Capiluppi, Myriam Cappelletti, LeoNilde Carabba, Marco Cardini, Anna Cassarino, Nadia Cavalera, Cinzio Cavallarin, Maria Chiara Cecconi, Andrea Chiarantini, Alessandro Ciappi, Antonio Ciarallo, Roberto Coccoloni, Alice Corbetta, Enzo Correnti, Fiorella Corsi, Vanessa Costantini, Mattia Crisci, Gian Luca Cupisti, Massimo Massimo D’Amato, Serena D’Angelis, Flaminio Da Deppo, Andrea Dami, Anne&Mario Daniele, Albina Dealessi, Teo De Palma, Fabio De Poli, Luca De Silva, Adolfina De Stefani, Paolo della Bella, Giampietro Degli Innocenti, Maria Di Pietro, Marcello Diotallevi, Serenella Dodi, Tamara Donati, Gianni Dorigo, Graziano Dovichi, Laura Facchini, Mariapia Fanna Roncoroni, Riccardo Farinelli, Mirella Ferrari, Dino Ferruzzi, Luc Fierens, Antonia Fontana, Lorenzo Fontanelli, Kiki Franceschi, Aldo Frangioni, Ignazio Fresu, Gabriella Furlani, Carla Fusi, Giovanni Galizia, Alberto Gallingani, Caroline Gallois, Mauro Gazzara, Carlo Gianni, Chiara Giorgetti, Alessandro Goggioli, Cristina Gozzini, Andrea Granchi, KPK (kantierepostkontemporaneo), Riccardo Guarneri, Carla Iacono, Indy, Roberto Innocenti, Donato Landi, Melania Lanzini, Bruno Larini, Adriana Leati, Alfonso Lentini, Ines Lenz, Ilze Jaunberga, Lucy Jochamowitz, Riccardo Lanciotto Magris, LeonaK, Margherita Levo Rosenberg, Oronzo Liuzzi, Federico Lombardo, Dario Longo, Antonio Lo Presti, Gian Paolo Lucato, Paolo Lumini, Marta Luppi, Aldo Lurci, Gianna Paola Machiavelli, Riccardo Macinai, Gustavo Maestre, Ruggero Maggi, Manuela Mancioppi, Antonello Mantovani, Andrea Marini, Silke Markefka, Luca Matti, Donatella Mei, Andrea Meini, Renato Meneghetti, Marcello Meucci, Massimo Mion, Ubaldo Molesti, Fernando Montà, Ferdinando Montagner, Fernanda Morganti, Helmut Morganti, Susanne Niemann, Lisa Nocentini, Murat Onol, Toshihiro Oshima, Silvia Paci, Lucia Paese, Paolo Pallara, Luciano Pancani, Antonio Panino, Marcello Paoli, Giovanni Parrillo, Uber Passatelli, Lia Pecchioli, Rita Pedullà, Marina Pezzoli, Nella Pizzo, Giampiero Poggiali Berlinghieri, Erika Polizzi, Elena Salvini Pierallini, Lamberto Pignotti, Alessia Porfiri, Nadia Presotto, Stefania Puntaroli, Roberto Pupi, Yi Qiu, Giovanni Raffaelli, Augusto Ranfagni, Elvira Ratti, Laura Repetti, Rosella Restante, Angelo Ricciardi, Ina Ripari, Marino Rossetti, Enzo Rossi-Roiss, Tokio Rumando, Cesare Saccenti, I Santini Del Prete, Antonella Sassanelli, Antonio Sassu, Costanza Savini, Franco Sciusco, Rosali Schweizer, Gianna Scoino, Giuseppe Secchi, Danilo Sergiampietri, Rolando Sforzi, Fulgor Silvi, Simoncini.Tangi, Giovanna Sparapani, Isabella Staino, Sabine Stange, Stellalpina, Antje Sträter, Kinichi Tanaka, Anthony Tang, Daniela Tartaglia, Camilla Testori, Roberto Testori, Vittorio Tonali, Hideka Tonomura, Margherita Torri, Micaela Tornaghi, Matilde Tortora, Felisia Toscano, Nino Tricarico, Elena Trissino, Stefano Turrini, Fabiola Ungredda, Giovanna Ugolini, Adam Vaccaro, Antonia Valle, Tommaso Vassalle, Adriano Veldorale, Margherita Verdi, Valeria Vian, Simona Vignali, Laura Viliani, Tatiana Villani, Alberto Vitacchio, Ivano Vitali, Andrea Vizzini, Nikolai Vogel, Cassandra Juliette Wainhouse, Deva Wolfram, Elisa Zadi

Info: MultiMedia91, tel.055 8398747 – 335 6676218 info@morganaedizioni.ithttp://www.mulimedia91.it
AParte, c/o Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci,
tel. 335/8330487 info@aparte.prato.it

New Page, nuovi testi

Proseguono le novità del movimento letterario New Page che si arricchisce di nuove adesioni e nuovi testi. Fondato nel 2009, presenta oltre 100 opere, in store, e ora anche sul sito web, per 45 autori di 12 nazionalità diverse. Oggi si impreziosisce della presenza del poeta, poeta visivo, scrittore italiano Giorgio Moio.

https://newpageinstore.wordpress.com/2016/10/27/np_31_giorgio-moio/

Giorgio Moio, poeta, con incursioni nella critica letteraria, nasce a Quarto (NA) il 25.5.1959. Già redattore di «Altri Termini», «Oltranza» (di quest’ultima è anche tra i fondatori) e direttore editoriale delle Edizioni Riccardi, nel ‘98, anno in cui inizia a partecipare a mostre collettive di poesia visuale (una sessantina fino ad oggi), fonda e dirige, per la suddetta Casa Editrice, la rivista «Risvolti», giunta al suo 21° numero. Pubblica le seguenti raccolte di poesia: Scritture d’attesa (1989); Sabbie mobili (1996); Work in progress (1997); Oltre la soglia del dolore (1999); L’uomo dagli occhi rosa, con C. Bugli (2000); Un vibrato continuo (2002) e Libro d’artista n. 33, (2002), con L. Caruso; Parodie marine (2003); Con occhio allegorico (comprende anche Parodie marine, 2005 – finalista Premio Feronia-Città di Fiano 2006); La fiera degl’inganni (2008); Elaborando il tempo (aforismi – 2011); Per mutazioni (e-book –, 2014); Dove la terra trema, con P. Della Ragione (prosa – 2015); Tra impegno e fuga (saggistica – id.). Con le Ed. Riccardi ha anche pubblicato una specie di romanzo, La finestra (2004). Presente in volumi collettanei, antologie e cataloghi d’arte, ha curato e partecipato ad eventi culturali, letture di poesia, mostre.

***

New Page è un movimento letterario fondato nel 2009 da Francesco Saverio Dòdaro, in Italia. Dal marzo 2013 al primo agosto 2016 la curatela del movimento è stata a due voci: F. S. Dòdaro-F. Aprile. A partire dall’agosto 2016 la direzione è affidata a Francesco Aprile. Narrativa di cento parole. Romanzi brevi, brevissimi, di cento parole, in store, da esporre nelle vetrine dei negozi, su crowner, pannelli cartonati molto in uso nella comunicazione pubblicitaria. E poi. Ancora. Apre al teatro, alla poesia. Teatro in store. Teatro di cento parole. Poesia in store, nelle vetrine. Poesia di poche parole in store.  Nella piazza comunicazionale del terzo millennio. In ultimo, la sezione scavi del movimento. Per indagare le vie del linguaggio, in store, ma senza il limite delle cento parole.

«I romanzi, la poiesi in genere, intercettano l’ora, il contesto, l’ampio know-how, ed escono dalle gabbie speculative – commerciali e di potere – per diffondersi tra i frammenti, le desolazioni, le mancanze, gli smembramenti, le solitudini. L’amore. Cento parole. Ritorna, in altra veste, il cantastorie. Il cantastorie del terzo millennio». (Francesco Saverio Dòdaro, 2010-03-18)

Visual Poetry in Europe – Imago Mundi

Tag

, , ,

Visual Poetry in Europe – Imago Mundi
Fondazione Benetton
Fondazione Sarenco

14724369_1215337685153084_4757212330996780893_n

Visual Poetry in Europe – Imago Mundi

Imago Mundi – Luciano Benetton Collection

Texts by Luciano Benetton, Sarenco, Jan De Vree

A special collection, curated by the poet and artist Sarenco, that constitutes an original thematic digression from Imago Mundi’s traditional geographic groupings: 210 works by European artists and an extraordinary movement which, from the great Futurist revolution and its first appearance in the 1950s, continues to question the privilege granted to the exclusively verbal aspect of language.  Concentrated in the 10×12 cm format, the radiance of the text-image, instead of being diminished by the miniature form, appears to undergo a revival, driven by the imagination of the artists opening themselves to new spaces of iconic-poetic symbolism.

Visual Poetry in Europe is an Imago Mundi collection, a cultural, democratic, global, non-profit project, promoted by Luciano Benetton with the aim of creating the widest possible mapping of the different contemporary artistic experiences of our world. In Imago Mundi, each country is represented by the works of established artists and new talents, commissioned with the maximum freedom of expression, whose only constraint is the 10×12 cm format.

http://www.imagomundiart.com is the web platform of the entire project

Logiche performative a Genova negli anni Settanta.

SITUAZIONI
Logiche performative a Genova negli anni Settanta.
BEPPE DELLEPIANE FABRIZIO PLESSI ANGELO PRETOLANI
ROBERTO ROSSINI PETR STEMBERA GEGGI TAGLIAFICO
Entr’acte
via Sant’Agnese 19R – Genova
13 ottobre – 4 novembre 2016
Inaugurazione: giovedì 13 ottobre 2016, ore 18,00

Si svolgerà nello spazio Entr’acte una mostra di opere e documenti inediti: SITUAZIONI, Logiche performative a Genova negli anni Settanta.
La mostra sarà accompagnata da un testo scritto per l’occasione da Pamela Pastori, non un critico, ma un’amica compagna di strada che ha condiviso gran parte degli avvenimenti di quella eccitante stagione.
Sensazionali, stranianti, volutamente disorientanti le azioni di questi artisti, con un fondo di intrigante ambiguità ribaltavano ogni concezione classica di ‘messa in scena’ o di accadimento, perché sì, qualcosa accadeva ed era proprio questo accadere che generava senso all’incontro visivo con lo spettatore; spesso chi guardava restava attonito, non capiva, altri invece si lasciavano andare al “vedere qualcosa come qualcosa” (Wittgenstein), ma anche come qualcos’altro, perché nella performance non è mai di rappresentazioni che si tratta ma semmai di presentazioni, in una aspersione di stati di grazia appaganti in chi li ha saputi cogliere e assolutamente estranei a chi non li ha riconosciuti come tali. Ancora oggi a distanza di quarant’anni quelle performance restano cariche di energia, perché come ha detto Jean-Luc Luperi, “l’impossibilità di etichettare gli artisti della performance e di mercificare l’azione performativa, ha permesso a questa forma d’arte di assumere lo statuto di un movimento d’avanguardia perpetua”.