Tag

, ,

Lo Studio “Segni & Segni” di Gian Paolo Roffi, Via San Pier Tommaso 20 B, Bologna, ospita dal 15 aprile al 7 maggio l’esposizione di Poesia Visiva di Emilio Morandi “Sabotage System”. Pittore, performer, artista poliedrico, Morandi spazia con la sua attività nelle aree di confine dell’arte contemporanea. In questa mostra presenta tele e teli, opere su carta, oggetti d’arte, tutti lavori nei quali si riconosce costante la linea di un discorso intelligente, stimolante, provocatorio, che richiede da parte dello spettatore attenzione e partecipazione. Opere non soltanto da guardare, ma da leggere in profondità, nell’intreccio di parole, immagini, frammenti linguistici e iconici di ogni provenienza.

 

All’inaugurazione, l’artista presenterà la performance:

“Ipertension”

L’arte è un campo aperto. L’arte è un’area dove è possibile spingersi in varie profondità. A tuffo libero. La pratica performativa: fusion di gesti-suoni-visioni-memorie. Oggetti vissuti e da vivere in quei momenti. Rito e accadimenti. Per un tentativo di lettura imprevedibile. Forti tensioni per una gravidanza di idee e lucide intuizioni.

 

Emilio Morandi è nato a Ponte Nossa-Bergamo dove vive e lavora, sin dal1980 gestisce la galleria no-profit Artestudio / Afterstudio, divenuta centro nevralgico delle esperienze di arte che vanno dalla Mail Art all’Happening con meeting e festival di performances, installazioni e video. Ha partecipato ad importanti incontri e festival di Performing Art in Italia e all’estero (Germania, Olanda, Polonia, Ungheria, Canada, Giappone, Francia, ecc.).

Fondatore nel 1985 del gruppo “Morandi Puls/Plus” (pulsazioni plurime).

Ideatore-curatore del “Perfomedia Festival” (n° 8 rassegne  di performances).

Ideatore del “Brain Academy Apartment” progetto 50° Biennale di Venezia 2003.

Cofondatore del Movimento “Zerotre” Arte Effimera.

Annunci