PADIGLIONE TIBET a cura di Ruggero Maggi
1 – 28 FEBBRAIO 2018
INAUGURAZIONE SABATO 3 FEBBRAIO ORE 19.00

presenta presso CENTRO NATURA all’interno di SetUp+ il contenitore degli eventi culturali che si svolgono in città durante SetUp Contemporary Art Fair

SPIRITUALITA’ ED ARTE COME CIBO PER LA MENTE E PER L’ANIMA
installazione-video con estratti delle precedenti quattro edizioni (2011/2013/2015/2017) di Padiglione Tibet nato come evento parallelo alla Biennale d’Arte di Venezia. La Biennale veneziana offre da sempre l’opportunità ad ogni Paese di presentare le proprie realtà artistiche più rappresentative con i Padiglioni Nazionali.
L’appello per la dignità di un popolo si può estrinsecare anche attraverso un progetto artisticoUna forma di riscatto culturale voluto fortemente da molti paesi e che, per Padiglione Tibet “il padiglione per un paese che non c’è” ideato da Ruggero Maggi nel 2010, ha assunto anche una valenza sociale.

  • Tibet: una nazione che evoca da sempre un sentimento religioso, mistico, di pace, una vitale “centralina” spirituale per tutti gli esseri umani.
  • Padiglione Tibet, un’idea che nella propria semplicità racchiude una forte carica emozionale, è un sogno che ha lasciato il segno ponendosi l’obiettivo di far incontrare la sensibilità della cultura contemporanea occidentale con quella tibetana. Un unico tema declinato nei modi della pittura, della scultura, della performance, del video per realizzare un grande evento che sottolinei coralmente il profondo senso di spiritualità dell’universo tibetano.

Un ponte sensibile tra la cultura Occidentale e quella Tibetana densa di affascinanti e mistiche suggestioni spirituali, linguistiche ed artistiche; un passaggio da Est ad Ovest, che crei quella sfumata ma necessaria vibrazione poetica per interagire e comprendersi. Padiglione Tibet: ponte fra culture.

LUCENTE SPIRITO
mostra costituita da una selezione di opere dal profondo contenuto spirituale e concettuale come “The Quest” vero e proprio work in progress di due artisti: Carla Bertola e Alberto Vitacchio protagonisti congelati nell’atto fotografico insieme con le pietre megalitiche, divenendo anch’essi elementi immobili e silenziosi del paesaggio; le opere verbo-visive titolate “Fiabe al vento” di Marcello Diotallevi che traggono ispirazione direttamente dal vento della poesia e dalla naturale inclinazione dell’artista verso un’ironica interpretazione della realtà e della vita; le evocative immagini fotografichedi Anna Maria Di Ciommo che ricreano i momenti in cui i Lama Tibetani realizzano splendidi mandala, sintetizzate in una frase di S.S. il Dalai Lama: “Ero intelligente e volevo cambiare il mondo. Ora sono saggio e sto cambiando me stesso”; le opere-oggetto di Roberto Testori che nel loro biancore riflettono soluzioni concettuali ricche di significati spirituali e poetici. Poesia visiva che si alterna ad una sedimentata descrizione di tracce, di piccoli oggetti che ritrovano il loro spazio in una decontestualizzazione intelligente e raffinata.

SABATO 3 FEBBRAIO ore 19.30 | ore 21.00 | ore 22.00
NO CHAIN performance di danza contemporanea di K7

coreografia di Kappa
musica di Paola Samoggia
danza Giuseppe Spinelli, Laura Onofri

…ho pensato a Padiglione Tibet, al ponte tra due culture…. al collegamento… alla denuncia della situazione attuale che però volge verso una libertà raggiunta con l’aiuto delle due culture assieme, l’aiuto di tutti…. In attesa la campana a lastra è libera di muoversi nel vento…. come una bandiera di preghiera….” (Paola Samoggia)

Durante l’inaugurazione è prevista una cena a tema: Still alive a cura di Pina Siotto nel Ristorante BioVegetariano di Centro Natura dalle ore 19.15 alle 22.00.
Si consiglia la prenotazione.

PADIGLIONE TIBET a cura di Ruggero Maggi
centro natura
via degli albari 4a bologna
1 – 28 febbraio 2018

inaugurazione sabato 3 febbraio 2018 ore 19.00
orari di apertura: lunedì sabato 10 – 22.30 | domenica 10 – 18.30

Annunci